Purtroppo sempre più spesso stress e ansia sono subdoli nemici che minacciano la nostra serenità e operatività, ed è necessario, se non indispensabile, padroneggiarli per una buona qualità di vita, per il benessere e per l’efficienza.
Se lo stress ha origini esterne a noi, e si sostanzia in pressioni, sollecitazioni e stimoli eccessivi che riceviamo e che ci costringono a reagire,
l’ansia nasce invece dentro di noi ed è causata dalla insicurezza e inadeguatezza che proviamo di fronte a situazioni, reali o meno, che non sappiamo come affrontare, a cui si accompagna spesso un senso di profondo affanno.
L’ansia è la risposta irrazionale a stimoli stressanti che richiedono invece risposte pratiche e concrete, e porta la nostra mente razionale a sottomettersi totalmente alla emotività, con pensieri drammatizzanti su ciò che potrebbe accadere.
Si può imparare a resistere allo stress, conoscendo meglio i nostri limiti fisici, mentali ed energetici, evitando di pagare un tributo troppo pesante alle nostre ambizioni e aspettative,
trovando la capacità di uscire da situazioni troppo onerose in termini di sollecitazioni, imparando a gestire con maggiore efficacia il nostro tempo, i nostri spazi e i nostri impegni.
E si può imparare a gestire l’ansia, riconoscendo e governando le nostre emozioni senza soffocarle, abituandosi ad ascoltarsi, a sentire e regolare il nostro respiro,
tenendo a bada il senso di colpa, accettando un margine di errore nel nostro agire, imparando a ordinare i pensieri e a ritrovare la calma.